Pietro Sarcinella – Studio  Sant'Elmo Ginecologo Napoli
Menopausa

La menopausa è il periodo che segue l’ultima mestruazione registrabile che segnala la cessazione dell’attività ovarica. Si realizza quando siano trascorsi almeno 6-12 mesi di amenorrea.E’ questo un periodo che coinvolge almeno 1/3 della vita di una donna.In genere insorge fra i 45 e i 53 anni.
La mancata produzione degli estrogeni da parte delle ovaie causa:

  1. Vampate di calore, sudorazioni notturne,insonnia,variazioni dell’umore,ansia,irritabilità,scarsità di memoria e concentrazione, perdita di fiducia in sé.
  2. Atrofia del tratto genitale, dispareunia,sindrome uretrale,perdita della libido.
  3. Assottigliamento della pelle, artralgie,prolasso,incontinenza,aumento di peso.
  4. Accidenti cerebrovascolari, coronaropatie,ipertensione.
  5. Osteoporosi.
  6. Irsutismo,Acne,Caduta dei capelli.

CORRELAZIONE FRA I SINTOMI DELLA MENOPAUSA

 

correlazione tr i sintomi della menopausa

Dal complesso quadro descritto appare logico che la donna in menopausa non può trascurare elementi fondamentali:

  • Controlli periodici ginecologici volti alla prevenzione, diagnosi e terapia e dell’apparato genitale in toto(mammelle, utero, ovaie)e dell’apparato urinario e della cute (per perdita di collagene).
  • Visita ortopedica per la corretta valutazione dell’osteoporosi e le patologie ad essa collegate(osteporosi,artralgie e fratture).
  • Monitoraggio specialistico per una alimentazione corretta per prevenire il rischio di carcinoma endometriale,delle malattie metaboliche,cardiovascolari e delle malattie dell’apparato articolare,come pure il rischio dell’ insufficienza venosa (Visita angiologica e Doppler).
  • Consulenza psicologica nei casi, e sono frequenti, in cui la sintomatologia lo richiede (ansia e depressione).
  • Incontri specialistici urologici.
  • Valutazione della sessualità,dei rapporti sessuali e della vita di coppia nel suo significato piu’ ampio nel contesto delle modificazioni e cliniche e psicologiche e sociali.

La menopausa non è una malattia.Deve essere vissuta come una parte della vita normale,in tutti i suoi aspetti; e non si può aspettare di essere malate per prendere provvedimenti.
Alla luce di queste considerazioni,risulta evidente che la terapia più corretta è rappresentata dalla ricostruzione delle condizioni endocrine precedenti alla perimenopausa.La terapia estroprogestinica è in grado di ripristinare lo stato fisiologico.
La terapia estrogenica e progestinica sostitutiva esercita un’azione cardioprotettiva, rallenta il processo osteoporotico,migliora il trofismo dell’apparato uro-genitale,ritarda il deterioramento della cute.Naturalmente non si deve incorrere nell’errore di attribuire agli estrogeni il potere di elisir di lunga vita

\\n